>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Fuga dall’Italia: in un anno sono scappati 235 miliardi di capitali
Stampa
  Text size
Nei mesi scorsi l’Italia è stata colpita da una vera e propria fuga di capitali che ha investito la periferia dell’area euro, e che nella penisola ha coinvolto soprattutto gli investitori esteri facendo uscire dal paese 235 miliardi di euro, l’equivalente del 15 per cento del Pil.

Lo rileva il Fondo Monetario Internazionale in una analisi inserita nell’ultima edizione del suo Global Financial Stability Report, la relazione sulla stabilità finanziaria presentata a Tokyo in occasione delle assemblee autunnali con la Banca Mondiale.

“L’intensificazione della crisi si è manifestata in deflussi di capitali dalla periferia verso il centro (dell’area euro) con dinamiche che tipicamente si associano a crisi valutarie e bruschi blocchi degli investimenti”, dice il Fmi.

“Sia la Spagna che l’Italia hanno sofferto massicci deflussi di capitali nei 12 mesi conclusi a giugno: dell’ordine dei 296 miliardi di euro per la Spagna, ossia il 27 per cento del Pil, e di 235 miliardi di euro per l’Italia – recita il rapporto – il 15 per cento del Pil -. Specialmente in Italia, un’ampia quota di questi deflussi è stata dovuta a investitori esteri che si ritiravano dalla periferia dei mercati dei bond. In Spagna i deflussi hanno avuto una base più ampia, e una parte significativa ha riguardato le obbligazioni di società private, mentre i declassamenti di rating sul debito pubblico sono stati seguiti da declassamenti di società spagnole”.

Infine il Fmi avverte che “l’erosione della base di investitori esteri sulla periferia mette in rilievo le sfide che questi paesi devono affrontare per rifinanziarsi”.

Fonte > 
lindipendenza.com

Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# ogogoro 2012-10-11 00:27
Il piano devasta-Italia del ragionier monti funziona alla grande!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-11 21:38
Citazione ogogoro:
Il piano devasta-Italia del ragionier monti funziona alla grande!


Se in buona fede,
cioè cretino,
che Geova lo perdoni...

se in mala fede,
cioè diabolico,
che Giove lo fulmini !!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-10-11 12:36
I soldi torneranno dall'estero non appena Monti metterà in svendita (Britannia 2) per un piatto di riso le ultime ricchezze nazionali (Finmeccanica, Eni, ecc.).
In quel momento, da stato coloniale (risorgimentale ) evolveremo direttamente in società tribale (europeista).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# il marconista 2012-10-14 17:41
la crisi ha finalmente messo in luce il reale valore "dell'italiota medio" -stop-
"dell'italiota basso" -stop-
"dell'italiota ai vertici" -stop-

l'otto settembre del 1943 a confronto è il tè delle 5 -stop-
di un banale pomeriggio -stop-
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità