>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Voterò Komunista (alle primarie)
Stampa
  Text size
Articolo del 19 novembre
Comunico che la settimana scorsa ho deciso: mi sono recato al circolo del PCI (oggi PD) e, sotto il busto di Togliatti e la foto di D’Alema, mi sono iscritto come votante alle loro primarie.

Voterò per Matteo Renzi. Ed ho portato con me alcuni familiari.

Perché? Il perché lo mutuo dal mio amico e analista finanziario Paolo Rebuffo, il cui ragionamento mi sembra di abbacinante chiarezza e semplicità:

Il PD vincerà le elezioni politiche. Le vincerà perché dalla parte opposta non c’è più nessuno da votare. I sondaggi sono inequivocabili: 30% contro il 15.

In questa situazione, chi vincerà le primarie del PD sarà quasi certamente il capo del prossimo governo delle sinistre. Secondo le previsioni, le vincerà Bersani.

A voi che di sinistra non siete, resta una esile possibilità di ostacolare l’ascesa di Bersani al governo: andare alle primarie degli altri e votare Renzi. Voi, che non potete più scegliere il presidente del consiglio di centro-destra (per colpa di Berlusconi che ha tradito il suo elettorato e ha mandato a puttane la più solida maggioranza della storia italiana), potete ancora scegliere il capo del governo della sinistra. Il meno peggio. Quello che ha possibilità di farcela: Renzi.

S’intende che alle politiche non voterò Renzi, ma voterò (turandomi il naso) Grillo e i suoi grillini. Sperando che, come mera massa sgorgante, faccia da sturacessi del parlamento e della «politica».

Prevedo le obiezioni che mi verranno. Ce ne sono che ben conosco: «Le primarie sono l’ennesimo trucco dei poteri forti, io non ci casco». «Blondet, proprio te, non hai ancora capito che la democrazia è una frode del Bilderberg? Che tutto è già deciso? Che sarà Monti-bis?» Altri: «Renzi e Bersani sono uguali, non c’è differenza». «No, io non vado a votare (variante: non vado mai a votare dal 1970…) perché il sistema mi fa schifo». C’è persino chi dice: «Andare alle primarie significa legittimare il PD, che mi fa vomitare», e financo: «Non è onesto andare a votare le primarie di un altro partito».

Non è onesto? In guerra, quando tutto è perduto e i capi hanno tradito, coloro che non si arrendono possono ancora tentare di infiltrarsi nel campo avverso e lanciare le ultime bombe a mano. Vi devo confessare che è quello che faccio da sempre, scrivendo. Una vittoria di Renzi alle primarie, forse, contribuirebbe a destabilizzare il Partito Komunista che sopravvive dietro Bersani. Per me, è un motivo sufficiente per tentare.

Tutte le altre obiezioni si compendiano in assenteismo, in astensionismo, giustificato dal «io non la bevo»: mi sembrano ispirate da viltà, una tipica viltà «di destra», mascherata sotto la finzione di un’altezzosa consapevolezza. Io non voto nessuno di questi perché «sono contro il Sistema, io»: comodo. «Non partecipo alla politica perché nessuno di questi mi rappresenta, sono troppo inferiori»: così intere generazioni di «destrorsi» non si sono sporcati le mani, sdegnosamente, finchè non scendeva dal cielo, a guidare le loro quadrate legioni, l’Arcangelo Michele in armatura d’oro. Intanto, «gli altri» facevano e disfacevano. L’Arcangelo non scenderà. Non per voi, soprattutto. La politica si fa con le carte che si hanno in mano, non con i sogni.

Sono milioni, oggi, quelli che proclamano: «io non vado a votare, così “quelli” imparano». Che insipienza politica! Se l’astensionismo fosse anche del 90%, quelli farebbero i governi anche col 10%: e sarebbe l’ineluttabile governo Bersani-Casini, con Monti superministro o addirittura al Quirinale, che oggi conta più di ogni governo. Se non Prodi... Sarebbe la continuità di quello che abbiamo già conosciuto e provato: il governo dei parassiti pubblici, perché la sinistra di Bersani è la rappresentanza politica della legione degli insegnanti, dei magistrati, dei super-burocrati da 600 mila euro annui. Insomma, i fancazzisti che succhiano denaro pubblico (che noi gli paghiamo) come corpo sociale, sono con Bersani.

«E Renzi, non è lo stesso?». No, non è lo stesso. Sapete la cosa che mi ha veramente colpito di lui? Che da sindaco di Firenze, una volta, ha detto di provar fastidio per tutti quegli impiegati del Comune che dieci minuti prima sono già lì a far la fila per timbrare il cartellino d’uscita. È uno sputo in faccia ai fancazzisti pubblici che sono il corpo elettorale della sinistra. Alla Leopolda, qualche giorno fa, Renzi ha aggiunto che vuole abolire il finanziamento pubblico ai partiti e i sussidi; ha detto e ripetuto che non farà alleanza con Casini. Mi basta.

Obiezione: «Non farà nulla di tutto questo, si rimangerà le promesse». E chi se ne frega? Io mica lo voto, Renzi, alle politiche. Che attui o no il suo programma, è uno che porta scompiglio nelle «sinistre» e nei suoi apparati. Basta aver assistito alla rabbia minacciosa di D’alema, che vive la propria rottamazione come lesione alla sua divina maestà. Basta vedere l’invidiosa bile di Rosy Bindi di fronte a Renzi: no, lei non si vuol fare rottamare, tanto che chiede la «deroga» (lo statuto del Partito Komunista prevede solo 3 mandati, il candidato che vuole ripresentarsi deve chiedere una deroga): 5 (cinque) mandati in Parlamento non le bastano, vuole il sesto: dice che la nazione ha bisogno della sua intelligenza – ancorché sia più bella che intelligente. E far schiattare la Bindi, non è forse una soddisfazione bastante?

Ed ora, anche Di Pietro invita a votare Bersani. Ed è sceso in campo anche il brontosauro Nobel Dario Fo: «Renzi non mi piace». Ecco un altro motivo per votarlo. Alle primarie.

Insomma: chi non va a votare Renzi, di fatto vota per un governo Bersani. Che avverrà ineluttabilmente, visti i sondaggi. Che significa: coalizione-inciucio con Casini (l’eterno compromesso storico) e il programma, quello di Monti: tasse e niente tagli al grasso pubblico parassitario. Bersani, l’abbiamo già provato nel governo. Sappiamo cosa fa: «privatizzazioni» dei privati, preferibilmente tassisti e benzinai, anziché liberalizzare i fancazzisti pubblici. Imposta patrimoniale. E mantenimento degli apparati parassitari, dei milioni di dipendenti pubblici inadempienti e strapagati, dei magistrati di parte, dei dirigenti pubblici da 600 mila euro annui. Insomma, la continuità del peggio.

Oltretutto, guardate, Renzi perderà le primarie. I vecchi trinariciuti esistono ancora, e sono tutti mobilitati per Bersani; li ho visti, al locale circolino dei Komunisti, già pronti con quintali di manifestini pro-Bersani. Quel che conta, per noi che non siamo di sinistra, è che Renzi non perda «troppo». Che resti come componente notevole, come ostacolo allo status quo in quel campo. Altrimenti il rullo compressore stalinista lo schiaccerà (D’Alema ha fatto le note oscure minacce) e, con lui, ogni prospettiva di cambiamento futuro delle sinistre.

Dinosauri a sinistra. Dinosauri e puttane a destra. E tutti questi rottami (1), mozziconi, residui in briciole svergognati che ingombrano il campo senza aver più nulla da dire agli italiani, Fini, Rutelli, Berlusconi, Di Pietro, ed ora per ultimo Montezemolo – «il nuovo che è avanzato», come l’ha salutato Pubblico: ennesimo giornalùcolo sussidiato, ma la battuta è buona.





1) Colgo qui l’occasione per chiedere ai radicali italiani come mai, loro così «innovativi», non hanno il coraggio di rottamare Pannella. Sarebbe un povero vecchio da compatire, se non fosse per l’evidente cattiveria: vuole distruggere quel che resta del partito, prima di doverlo lasciare per sempre su ordine delle Parche. Ha espresso odio (invidia) per il presidente del partito, Silvio Viale, il medico abortista di Torino, eliminandolo per eresia e lesa maestà del Profeta. Delira per ore intere da Radio radicale, con il solo intento evidente di non lasciare spazio a nessun altro. L’ultima volta, m’è capitato di ascoltarlo a Radio Radicale mentre chiedeva a Grillo di allearsi con lui, si ergeva contro Napolitano, rievocava Ernesto Rossi e Altiero Spinelli e criticava la filosofia di Benedetto Croce (che lui ha conosciuto personalmente) a nome di Karl Popper. Ho spento, sono andato a pranzo con un amico, ho fatto una passeggiata. Tornato tre ore dopo, Pannella era ancora lì a parlare: stava ordinando ai suoi di non votare Renzi, passando poi a dare appoggio alla lotta degli Uiguri per la democrazia; subito dopo ha preteso l’amnistia e l’eutanasia, insegnato alla nuova leadership cinese come deve gestire la Cina, opposto il Papa e la Chiesa a Pannunzio e ai Fratelli Rosselli; ormai rauco, riusciva ancora a contraddire il suo interlocutore – un servetto radicale che non lo contraddiceva affatto, ma si limitava ad adorarlo con squittii di approvazione. A chi non crede a tal delirio di onnipotenza della vecchia checca, riporto una delle sue frasi: «Candidiamo (Emma Bonino) a premier dopo Monti per costituire governi che abbiano come centro motore il mondo e la storia Radicale, che è la storia del popolo italiano, che con i nostri referendum (abolizione del finanziamento pubblico, antiproibizionismo, sistema elettorale anglosassone) ci ha dato fiducia all’80% e al 90%». Dopo di chè, patetico, si domandava come mai gli italiani gli diano solo l’1%, mentre lui aveva avuto sempre ragione in tutto. È evidentemente lui ad impedire i grandi successi. Il partito dovrebbe rottamarlo, ma non osa. Il partito Radicale è il solo partito confessionale rimasto, prostrato tremante davanti a questo ultraottantenne morente e cattivissimo. Che Satana ce lo conservi, perché senza di lui il Partito va subito al 10%.


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Signore Pietà 2012-12-02 17:38
caduta la democrazia
ora si va verso il partito unico in tutti i paesi del mondo
mettono i comici a dirtelo con una battuta: voti destra? voti sinistra? per me è lo stesso

(Luca Cordero di Montezemolo) "ha proposto di tassare i più ricchi. Se i ricchi definiscono la situazione spaventosa è perché hanno paura che il popolo si rivolti contro di loro."

sono soluzioni marxiste e senza possibilità di scelta dell'elettorato

tra un po', a quanto dicono i messaggi celesti, si manifesterà l'anticristo

occorre pregare per trattenere la mano di Dio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Tradizionalista 2012-12-02 19:07
Direttore, condivido appieno la sua scelta di votare Grillo alle politiche. Se ne pensi quel che si vuole, ma il M5S è l'unico a denunciare la bancocrazia, e ad attuare nei fatti un comportamento diverso dai partiti mangiasoldi. Non per nulla stanno forgiando una nuova legge elettorale su misura per sbarrargli la strada.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maxim 2012-12-02 19:21
Grande Dr. Blondet , come al solito !
La penso esattamente come lei.
Le massonerie che contano sono orientate a sinistra e appoggiano Bersani, il quale vincerà le finte primarie perchè così hanno già deciso a tavolino.
Però il buon Renzi (anche lui spinto da Massonerie però minoritarie )potrebbe rivelarsi una vera spina nel fianco.
Se non vince oggi comunque vincerà domani perchè un cambiamento è reso necessario e ineluttabile per tutta la Nazione prima che ci sia un default con il relativo tracollo. Allora sarebbero cavoli amari per tutti i mascalzoni della politica che fin'ora hanno campato allegramente alla faccia del popolo bue .
Renzi con quel suo bel faccino pulito pulito potrebbe salvare il deretano ai politici di vecchia data facendogli in un futuro non lontanissimo accettare qualche cambiamento soft , qualche piccola rinuncia, pur di evitare la Norimberga e la susseguente Piazzale Loreto a tutti quanti da parte di un popolo inferocito e ridotto alla fame !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-12-02 19:40
Egregio Direttore, questa volta non concordo assolutamente.
Per prima cosa, ha di fatto premiato i Komunisti elevando la loro base elettorale.
Se tutti avessero fatto come lei si sarebbero conteggiati per un numero superiore a quelli che in realtà sono, e cioè un piccolo esercito diviso in caste: burocrati leninisti di partito pagati anche fino al livello di "casa rossa di quartiere"; intellettualoid i falliti per il solo fatto di essere plagiati ideologicamente ; poveracci con l'unico extra di vacanzieri comizianti dal pranzo al sacco e il bus pagati dal caporalato sindacalista.
Tutto il resto dell'umanità non sta con questo relitto storico, per cui non li voterà mai.
Per secondo, la sua analisi è troppo limitata al contesto italiano e solo nel breve periodo: non che non sia corretto, ma occorre prevedere anche i travasi da altri paesi confinanti.
Si meraviglierà della forza con cui la greca Alba Dorata attecchirà nel nostro Paese: alla faccia dei nostri politici noachidi e dei loro anatemi verso l'antipolitica (leggasi nazionalismo).
Peccato che, sapendo tutto prima come sempre, gli oppressori eletti abbiano ammazzato Haider: era lui l'arcangelo Michele dall'armatura d'oro ed era già sceso sulla terra per guidare il ritorno del nazionalismo.
Ma siccome bisogna credere nel destino, non dovremo aspettare molto per un nuovo condottiero millenarista.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2012-12-02 20:52
Io il mio dovere l'ho fatto, seguendo i consigli del Direttore. Quello che mi spaventa è che nei giorni scorsi, gente che da vent'anni vota a sinistra, mi ha telefonato preoccupatissim a e mi ha chiesto, come favore personale, di pasrtecipare alle votazioni e di votare Renzi. Temo che questo significhi che non c'è limite al peggio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Amato 2012-12-02 22:19
Quel che non vuole capire è che dobbiamo lavorare per vivere, non vivere per lavorare. Da un insegnante che ha studiato Fisica e Ingegneria ad un letterato parolaio e astioso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# homer 2012-12-02 23:04
Ha vinto bersani...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-12-03 00:31
Primarie PD: una bella mossa di pubblicità democratica ed elettorale ( però solo per chi fa la manfrina per primo).
Gli altri si astengano.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# witko 2012-12-04 16:41
il nostro sistema e' fallito molto tempo fa'gesu cristo disse vuoi sapere se l'albero e' buono?guarda i frutti che produce.spero che abbiano ragione i maja gli hopi st.giovanni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# marcello 2012-12-04 20:52
grazie a Dio ha vinto una persona seria e capace e non una marionetta in mano alla destra!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ric 2012-12-07 22:45
Vai Maurizio!!! mi sa che fra un po' si dovrà ricominciare a osannare Bunga Bunga e Brunetta!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Werner 2012-12-18 23:35
Le primarie del PD le vince solo il candidato indicato da D'Alema, a sua volta su imposizione del loro finanziatore sionista Debenedetti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità