>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

erdogan_israele_550
Erdogan dittatore ottomano, e di nuovo amico di Sion
Stampa
  Text size
Ricordate la Mavi Marmara? La nave turca affittata da gruppi di solidarietà con la gente assediata di Gaza, che fu assaltata da commandos israeliani con ferocia inaudita, in acque internazionali: trucidarono nove passeggeri, tutti turchi. Da quel giorno – 31 maggio 2010 – il capo del governo turco Recep Tayyip Erdogan suscitò l’ammirazione di chiunque ami i valori della civiltà rompendo la cooperazione con lo Stato ebraico pirata, con il quale era già ai ferri corti avendo condannato, con asprezza e coraggio, il massacro di Piombo Fuso.

Bene, tutto dimenticato. Il 4 dicembre scorso a Bruxelles, nell’incontro fra i governi membri della NATO, la Turchia ha ripreso la cooperazione militare con Israele, definito ormai «terzo partner della NATO». Le pressioni degli alleati sono state fortissime, come rivela esultante Debka File (sito vicino ai servizi giudaici): il segretario generale dell’Alleanza, Anders Fogh Rasmussen, ha accusato Ankara di creare «una mancanza di fiducia tra gli alleati» (sic); in quella riunione, si è anche deciso di dispiegare missili Patriot in Turchia a ridosso della Siria. Il che accontenta Erdogan, che notoriamente ha adesso un nuovo nemico, Damasco.

Sarebbe un regalo fatto da Obama a Netanyahu, il quale affronterà le elezioni il prossimo 22 gennaio e viene accusato dagli avversari interni di aver isolato il Paese sul piano internazionale. Secondo Debka, il presidente Obama sta veramente conducendo (nonostante le apparenze) una sua politica in Medio Oriente: vuole la cooperazione fra Turchia e Giuda «non solo per Israele, ma anche per sostenere il suo nascente blocco sunnita in Medio Oriente, con l’Egitto alla testa». Sempre secondo Debka, il piano si articola in quattro punti:

1. Netanyahu ha promesso di non turbare la campagna elettorale di Obama con un attacco unilaterale all’Iran fino al giorno dell’investitura di Obama stesso (il 21 gennaio, un giorno prima delle votazioni in Israele).

2. Netanyahu avrebbe consentito, bontà sua, a lasciar durare le trattative dirette e semi-segrete USA-Teheran, cominciate in Svizzera il 1° dicembre, fino al primo marzo; assicurando che se Teheran non cedeva sul suo programma nucleare, «l’opzione militare» diventava prioritaria per gli USA.

3. Obama si sarebbe impegnato in cambio a non far pressioni per la riapertura (?) di negoziati fra giudei e palestinesi nei tre mesi di campagna elettorale di Netanyahu.

4. «L’asse sunnita sul quale l’Amministrazione Obama ha lavorato dall’operazione israeliana su Gaza, a novembre» avrebbe come «partner» privilegiati l’Egitto, la Turchia, il Katar e la Giordania. Tamir Padro, capo del Mossad, e Fidan Hakan, il direttore dei servizi turchi, hanno preparato il terreno a questa riconciliazione nei mesi passati. La Turchia avrebbe così preso il suo posto di peso nell’asse sunnita.


Fidan Hakan
  Fidan Hakan
Non si deve prendere per oro colato (ma piuttosto piombo fuso) tutto quel che dice Debka, agenzia di disinformazione almeno quanto di informazione. Ma non è possibile non notare che l’asse sunnita – inizialmente un’invenzione della monarchia saudita wahabita e dei suoi satelliti del Golfo, grandi sponsor dei «ribelli» criminali in Siria – ha per le rispettive dittature lo scopo di neutralizzare o sviare le «primavere arabe», nella misura in cui mettono in pericolo i loro regimi. Fra questi va contato Mohammed Morsi, nuovo presidente-dittatore del Cairo in nome dei Fratelli Musulmani: è evidente che una volta al potere i Fratelli Musulmani hanno messo la sordina alla retorica anti-israeliana. Morsi stesso ha scritto una lettera, rivelata da giornali locali, a Shimon Peres, il presidente di Sion, in cui professava la sua amicizia. È interesse dei Fratelli Musulmani, ora che si sono spartiti la torta coi gallonati egiziani, e Morsi si è fatto approvare dalle masse di fellah una costituzione che lo incorona faraone, sviare la rabbia popolare per la libertà tradita verso gli sciiti, e i cristiani perché no? Del resto, i Fratelli Musulmani sono fortemente presenti nella direzione della cosiddetta «Armata di Liberazione Siriana» (ASL); e i capi militari dell’ASL hanno incontrato a più riprese in Giordania ufficiali israeliani, per coordinare le azioni contro il regime di Assad in Siria. I «ribelli» avrebbero accettato il compito di proteggere le alture del Golan occupate da Sion in caso di sconfinamento della guerra per intervento degli occidentali e della Turchia.

Ismail Hakki Karadayi
  Ismail Hakki Karadayi
Il che ci riporta ad Erdogan e ai suoi ultimi comportamenti: fra i quali vanno segnalati arresti a raffica. L’ultimo, e il pezzo più grosso che ha mandato in galera, è il generale Ismail Hakki Karadayi, già capo di Stato Maggiore dell’armata: perché gli arresti avvengono nel quadro della reazione contro Ergenekon, l’occulta organizzazione di funzionari kemalisti e militari laicissimi (una Gladio Dunmeh) che avrebbe complottato per rovesciare il partito KP, detto islamista moderato, di Erdogan che aveva vinto le elezioni, e instaurare la solita dittatura militare alla Ataturk. Tutto vero probabilmente: ma il fatto è che l’inchiesta contro Ergenekon è stata lanciata nel 2008, e gli arresti sono da allora aumentati anziché calare.

Attualmente, ben 100 giornalisti sono incarcerati, insieme a 240 ufficiali superiori e a 3.500 politici, per lo più attivisti curdi. Un record mondiale, secondo il Comitato Internazionale di Solidarietà coi giornalisti imprigionati. Le accuse vanno dalla violazione di segreti di Stato alla partecipazione a organizzazioni illegali o clandestine intese a rovesciare il governo Erdogan.

Soner Yalcin
  Soner Yalcin
Uno dei giornalisti, di nome Soner Yalcin, che scrive per il portale d’informazione Oda TV, molto critico del governo, s’è fatto 682 giorni di prigione in attesa di processo (sembra di essere in Italia...); ora in attesa del suddetto processo, gli è stato ritirato il passaporto e deve firmare presso il tribunale ogni settimana. Al giornalista Mustafa Babakay va ancora peggio: sta trascorrendo in prigione il suo terzo anno di carcerazione preventiva, senza che gli sia stata elevata alcuna accusa formale.

Un terzo giornalista, Ahmet Sik, dopo un anno di galera preventiva, ha dichiarato: «Sì, ci sono circa cento giornalisti incarcerati, ma la libertà d’espressione non è solo un problema per i giornalisti; attualmente 600 studenti universitari sono dietro le sbarre, e 5 mila persone arrestate nel quadro del processo al KCK (Unione delle Comunità del Kurdistan). Ridurre i giornalisti al silenzio è ridurre al silenzio il popolo».

Anche M K Bhadrakumar, ex ambasciatore indiano ad Ankara ed oggi autorevole analista di Asia Times, benché simpatizzante di Erdogan, oggi si allarma della sua metamorfosi. Un uomo che è stato molto prudente durante il suo primo termine, accreditando l’immagine dell’islamista «moderato» e pluralista, da quando nel 2011 ha vinto nuovamente le elezioni con il 52% dei voti, mostra uno spirito vendicativo e una intolleranza verso il dissenso che lo accomuna, in qualche modo, a Mohamed Morsi, il nuovo capo egiziano dei Fratelli Musulmani. Erdogan sta plasmando una nuova costituzione che trasformerà la Turchia in una repubblica presidenziale; e si ripresenterà alle elezioni nel 2014, con la nuova costituzione. Non c’è dubbio che vincerà, non essendoci altra personalità che possa sfidarlo. Oltretutto, diverrà presidente restando capo del suo partito AKP: il che significa che sceglierà i parlamentari da far eleggere, i quali dipenderanno tutti dal suo volere. (Turkey’s Erdogan shows his iron fist)

«I turchi più riflessivi sono allarmati di questo aspetto dittatoriale nella personalità di Erdogan», conclude Bhadrakumar. Non ci si può che associare a questa preoccupazione. E delusione.


Mohammed Morsi


Non ci resta che ricordare che l’emergere di questo tipo di personalità è tipico dei tempi ultimi, come li previde il Vishnu Purana (1): «I capi (di quest’epoca) che regneranno sulla terra, come creature violente si impadroniranno dei beni dei loro sudditi. Limitati nella potenza, i più sorgeranno e precipiteranno rapidamente. Breve sarà la loro vita, insaziabili i loro desideri, e saranno spietati (...). I capi, invece di proteggere i sudditi, li spoglieranno e sotto pretesti fiscali ruberanno le proprietà della casta dei vaisha (la borghesia, diremmo oggi)... Chi distribuirà più denaro dominerà gli uomini e la discendenza (la nobiltà) cesserà di essere titolo di preminenza».

Questa eversione del potere dipende, per i Purana, dall’allontanarsi dei capi dalla fonte spirituale dell’autorità, per appoggiarsi alla nuda forza. La «religiosità» di Erdogan e di Morsi è evidentemente di una bassa lega. Ma c’è di peggio. Il rovesciamento della «religiosità» a potenziamento magico della forza bruta.

Proprio in questi giorni il corpo del Genio USA sta costruendo presso Tel Aviv un immenso rifugio sotterraneo per i comandi israeliani e i loro armamenti. Invulnerabile anche ad un attacco diretto di una bomba atomica da 30 megatoni, il rifugio è arredato da una ditta d’architettura ebraica che cura i particolari secondo i dettami del rabbinato. In particolare, ha scritto il Washington Post,

«Ogni porta o varco, eccetto i wc e le docce, dovranno essere munite di un astuccio di cuoio grezzo che avrà dentro una pergamena su cui sarà scritta con inchiostro indelebile un’autorizzazione fatta da scribi secondo la legge giudaica. Sarà scritto in askenazi e sefardi, ma non un misto delle due forme. Queste mezuzah dovranno essere verificate dal computer di una organizzazione incaricata del loro controllo, e il loro e il loro grafismo controllato da un addetto munito dell’autorizzazione del rabbinato. Tutte le mezuzah della costruzione dovranno essere fissate da un rabbino della base, non da un membro dell’impresa di costruzione...».


Martin Van Creveld
  Martin Van Creveld
La mezuzah è un talismano magico-talmudico, e la pergamena all’interno è il passo biblico dell’unicità di Dio (il famoso Shemà Ysrael). Sicché anche i «varchi» di uscita dei missili nucleari intercontinentali di Sion avranno il loro talismano che invoca il potere di Dio come portafortuna... Quei missili che, come rivelò nel 2003 Martin Van Creveld, docente all’università ebraica di Gerusalemme, sono puntati «sulla maggior parte delle capitali europee. Abbiamo la capacità di distruggere il mondo con noi. E vi posso assicurare che ciò accadrà prima che Israele scompaia».





1) Nella traduzione inglese di H. H. Wilson, citati da Julius Evola in Rivolta contro il mondo moderno. I Purana, testi di commento e narrazione sacra dei testi «rivelati» o meglio «visti» (i Veda), sono intesi come «spiegazioni supplementari dei Veda intese per differenti specie di uomini». Non tutti gli uomini sono uguali. Ci sono uomini che son guidati dal modo della bontà, altri che sono sotto le passioni (l’anima irascibile, direbbe Platone, ndr) ed altri che sono soggetti al modo dell’ignoranza. Perciò i Purana sono divisi in modo che ogni classe di uomini possa avvantaggiarsene e gradualmente riguadagnare la loro posizione (spirituale) perduta, onde uscire dalla dura lotta per l’esistenza (Śrīmad-Bhāgavatam, 1.2.4). Il Vishnu Purana è inteso specificamente per la prima casta, in cui prevale la modalità che tende verso l’alto, sattva (verità-purezza).



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# tobia 2013-01-07 14:53
purtroppo il mondo sunnita (a parte qualche ecceszione)si dimostra essere il braccio armato di Sion:da Al Qaeda (ha mai sparato un solo colpo contro Israele)-ammessa e non concessa la sua esistenza- i cui presunti attacchi hanno spaianato la strada all'occupazione di Afghanistan e Iraq(accerchiam ento Iran),ai fratelli musulmani fautori delle rivolte in Libia ,Egitto e tunisia il cui nemico sono come diceva lei sciiti e cristiani.negli hadith(tradizio ni riferibili a Maometto e ai 12 Imam sciiti)si parla di questi eventi :del fatto che i discendenti di Abu Sufyan(i sunniti attuali) avversario dell'Imam Ali capostipite degli sciiti , si ribelleranno in Siria.gli hadith descrivono inoltre la fine dei tempi,prima dell'avvento dell'Imam Mahdi(12 discendente di Maometto e di Alì ora in stato di occultamento) nei termini descritti dai testi hindu.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2013-01-08 00:58
Posso sapere da te dove posso trovare questi hadit? Sono pubblicati in quale libro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2013-01-07 14:58
L'Anticristo sta preparando gli orrori indicibili, mentre gli italiani parlano di calcio. Cristo diceva che i farisei hanno per padre il diavolo, al quale essi offrono le loro modalitä e sostanze che non sono offribili al Dio vero.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2013-01-07 15:40
Si aspettava un articolo su Erdogan e la Turchia da almeno un paio di anni. Finalmente è giunto con un ritardo proporzionale all'angoscia inevitabile che accompagna il comtenuto.
La sensazione che ne emerge è che i turchi sono controllati da sion nella stessa misura degli italiani.Fino a qui.....
O ci saranno altri colpi di scena ottomani?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-01-07 17:43
Io ripeto in parte quello che ho già detto in diversi commenti sulla situazione della Turchia e del Medio Oriente in generale.
1) Erdogan è il classico dittatorello nazionalista da terzo mondo che si interessa solo dei vantaggi immediati che la situazione può apportare al suo Paese. Il voltafaccia con Israele non mi sorprende affatto.
2) Esiste ,secondo me, un tacito accordo tra regimi islamici arabi e Israele, a danno dei palestinesi. Israele favorisce la conquista musulmana dell'Europa, spingendo per una immigrazione massiccia dal Medio Oriente. In compenso gli arabi fanno finta di non vedere la situazione dei palestinesi e si schierano contro l'Iran, unica vera spina nel fianco di Israele.
3) Il prezzo del riavvicinamento dovrebbe anche comprendere la conclusione dei negoziati per l'ingresso della Turchia in Europa (vedi punto 2). Se non sbaglio il ministro degli esteri tedesco si è espresso recentemente per un progresso nei negoziati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2013-01-08 00:56
In pratica, tu dici: politici sunniti e israeliani, nonché i tecnocrati illuministi, sono tutti alleati per far finire la civiltà europea?

Sì, regge come disegno. Però non capisco che vantaggio ne traggano i sunniti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-01-08 19:02
Conquistano l'Europa e mettono all'angolo gli odiati sciiti. Dei palestinesi non frega niente a nessuno. Quante dimostrazioni oceaniche ci sono state dopo l'ultimo attacco israeliano a Gaza? Fai il confronto con quelle provocate dalle vignette contro Maometto.
E Israele, non è forse il nemico pubblico numero uno degli arabi? Israele non si può muovere da dove è, non scappa, e la conquista dell'Europa è di gran lunga più importante di un'altra guerra, con esiti molto incerti, contro gli israeliani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Hermann 2013-01-07 20:25
Mi spiace constatare che alcuni conoscenti e colleghi, cui faccio cenno delle problematiche meravigliosamen te presentate ed analizzate dal Direttore, girino la faccia dall'altra parte e in cuor loro ridano di me e di tutti noi: veramente alla stragrande maggioranza importa solo avere la pancia piena, il divertimento, le vacanze, il gossip, il calcio. Oltre naturalmente a non capire le vere cause degli avvenimenti ultimi, compresa l'attuale crisi economica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2013-01-10 22:31
Sì, purtroppo è così
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Luigi B. 2013-01-07 22:33
Forse Erdogan nella vicenda della Mavi Marmara ha solo fatto la commedia, ma forse era d'accordo con Israele fin dall'inizio. E' servita a dare ai turchi l'impressione che lui è autonomo, autentico, insomma "efendi" nel senso originario del termine, ma un voltafaccia a un anno di distanza fa chiarezza su tutta questa ammuina.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2013-01-08 00:44
Mah?! E se Erdogan fosse sotto scacco per evitare manifestazioni revansciste in patria? Ricordiamo che i turchi non sono gli europei e tanto meno i molli italiani. Forse la Nato (Usa) e Israele questo lo sanno benissimo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2013-01-08 00:55
Direttore, manca la fonte della citazione sulla costruzione missilistica sotterranea in Israele. Credo sia importante metterla.

Saluti
Milo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SART 2013-01-08 00:59
I J sono stati capaci di comprarsi decine di sceicchi e di usarli per reclutare la carne da cannone con la quale tentare di distruggere la Siria, dopo aver fatto a pezzi la Libia.

Questi capi religiosi sono capaci di ordinare ai loro seguaci di compiere qualsiasi carneficina, qualunque tipo di bestialità e perfino di suicidarsi, tanto è forte il loro potere sulla povera psiche delle loro vittime-robotizzate.

Putin ha dato una "medaglia d'onore" ai tre giornalisti investigativi che hanno realizzato il servizio qui sotto linkato, cosa questa mai vista prima, dato che si tratta dello stesso tipo di onorificenza che si concede in Russia agli eroi distintisi in battaglia.

Il filmato ha il suo momento più interessante al dodicesimo minuto, ma è tutto da guardare:


http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=_jiEA5KKupg
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2013-01-08 01:01
Chiamiamo Erdogan in Italia a mettere un pò di ordine, visto che ha le carcerazioni facili, e forse qualcosa d'altro, il materiale qui non manca.
Visto che è tornato amico di Israele, che è così amico dell'Italia, la quale ora sarà lieta di pagare 21 milioni di euro per il museo dell'olocausto a Villa Torlonia, dovremmo chiedere a Israele di convincere Erdogan di farci questo piacere.
Caifa e Pilato insegnano.

Per questo van Creveld, almeno dalla foto, il talismano non deve aver funzionato mentre girovagava tra le porte e i varchi del rifugio.
Quando si usa un talismano specie se talmudico per invocare (in realtà obbligare) la potenza di Dio come portafortuna, si oltrepassa non solo qualsiasi misura di demenza da una parte, ma di bestemmia dall'altra.
Tipicamente satanico, ma tutto questo lo abbiamo già scritto e letto, da tempo siamo in questa fase.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2013-01-08 10:02
Non sarei riuscito a configurare il percorso di Erdogan senza l'aiuto di Blondet. Per gli avvenimenti futuri partirò da qui.

Diverse culture indicano la fine dei tempi anche nei segni citati. Tuttavia devo confessare che al proposito non mi viene in mente Erdogan, mi vengono in mente i noti prevaricatori menzogneri che ci stanno in capo.

Noi abbiamo cancellato la nostra religiosità quasi da tutto. Altri usano la loro per tutto. Se ci penso lo trovo interessante per i destini del mondo.

Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2013-01-08 14:36
Chiamiamo Erdogan in Italia a mettere un pò di ordine, visto che ha le carcerazioni facili, e forse qualcosa d'altro, il materiale qui non manca.
Visto che è tornato amico di Israele, che è così amico dell'Italia, la quale ora sarà lieta di pagare 21 milioni di euro per il museo dell'olocausto a Villa Torlonia, dovremmo chiedere a Israele di convincere Erdogan di farci questo piacere.
Caifa e Pilato insegnano.

Per questo van Creveld, almeno dalla foto, il talismano non deve aver funzionato mentre girovagava tra le porte e i varchi del rifugio.
Quando si usa un talismano specie se talmudico per invocare (in realtà obbligare) la potenza di Dio come portafortuna, si oltrepassa non solo qualsiasi misura di demenza da una parte, ma di bestemmia dall'altra.
Tipicamente satanico, ma tutto questo lo abbiamo già scritto e letto, da tempo siamo in questa fase.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità