>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Siria: si vede la Mano (massonica)
Stampa
  Text size
Come si sa, Mosca è faticosamente riuscita ad ottenere il consenso di Washington per una conferenza sulla Siria, che dovrebbe riunire attorno al tavolo tutte le parti in causa: il governo Assad e le opposizioni, più stato vicini e interessati, Iran compreso, nella speranza di arrivare ad una transizione di potere concordata e pacifica. La conferenza dovrebbe tenersi a Ginevra ai primi di giugno.

tttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt ttttttttttttttttt ttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt ttttttttttttttttt ttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt
Ed ecco che l’Unione Europea entra alla grande: il 27 maggio, la riunione dei ministri degli Esteri europoidi annuncia la levata dell’embargo sulla vendita di armi ai cosiddetti «ribelli». Armi assolutamente superflue, visto che i «ribelli» siriani ne sono già abbondantemente forniti dalle monarchie del Golfo. La goffa e stupida decisione europea ha un solo, evidente scopo, subito denunciato dalla diplomazia russa: sabotare la Conferenza di Ginevra.

In realtà, si apprende, non è stata «l’Europa» a decidere: sull’embargo, la riunione ministeriale s’è spaccata. Un forte gruppo s’è mostrato assolutamente contrario, e comprende Olanda, Svezia, Finlandia, Cechia, Austria: ques’ultima ha addirittura minacciato, se l’Europa levasse l’embargo, di ritirare i suoi 380 militari che, come Caschi Blu dell’Onu, sono stanziati sul Golan per sorvegliare la linea d’armistizio del 1974. Un altro forte gruppo, che comprende Germania, Belgio e Danimarca è contrario alla «proliferazione» ma si barcamena, perché vuole evitare una ennesima spaccatura UE sulla questione. Francia, Gran Bretagna e Italia (ovvio) sono a favore della levata; più precisamente, Emma Bonino ha detto sì alla levata dell’embargo, ma ha anche detto sì alla sospensione fino ad agosto delle consegne di armi ai «ribelli».

Di fatto, la maggioranza dei ministri europei è piuttosto sul no che sul sì. Fatto significativo, perfino Israele fa sapere che «preferisce veder l’Europa sbagliare nel senso della cautela». Non siamo favorevoli all’introduzione di ancora più armi in Siria, fanno sapere i suoi diplomatici.

Nulla, nemmeno i consigli israeliani stavolta hanno cambiato «la linea». Ecco infatti la conclusione del disastroso incontro europeo: «Il capo del Foreign Office, William Hague, dichiara che l’assenza di consenso sul prolungamento dell’embargo significa di fatto la sua abolizione». (Syrie: Moscou dénonce la levée de l'embargo sur les armes)

Non si sa se ridere o piangere. In pratica: votate come volete, tanto decidiamo «noi». Come sempre nella UE, non solo la volontà popolare, ma nemmeno quella dei governi, quando raramente si staccano dalla «linea», viene rovesciata e resa nulla e coma mai esistita. La Costituzione europea è stata bocciata dai francesi e dagli olandesi in referendum, ma è stata comunque imposta sostanzialmente con voti parlamentari. Accade lo stesso con le sementi OGM (vince sempre la linea Monsanto), la sacralizzazione dell’euro, le miriadi di «regolamenti» e direttive che sono continuamente e surrettiziamente inglobate nelle legislazioni nazionali. Avanza, con o senza la conoscenza dell’opinione pubblica, il progetto di trattato transatlantico, ossia del «mercato unico» USA-UE. Avanza passo passo, per atti occulti, profittando della crisi, la fondazione degli Stati Uniti d’Europa. Ma la levata dell’embargo ai militanti siriani ha qualcosa di plateale: si è fatta vedere, come forse mai prima, la mano che sta sabotando la conferenza di Ginevra. La mano che detta «la linea».

È la stessa mano che, il giorno 25, fa pubblicare su Le Monde – per rafforzare la levata dell’embargo e liquidare la conferenza di Ginevra – con enorme risalto, la «testimonianza certa» del «nostro inviato Jean Philippe Rémy, infiltrato in Siria da due mesi a fianco dei ribelli armati», dell’uso di armi chimiche da parte dell’esercito di Assad. Servizio confortato dalla pubblicazione di foto, senza data né luogo dove sarebbero state riprese, che mostrano dei gassati o ritenuti tali. Le Monde ci fa persino l’editoriale, anche se deve cominciarlo così: «Siamo chiari, Le Monde non detiene alcuna prova irrefutabile d’un ricorso alle armi chimiche in Siria». Sic. E allora, perché diavolo darle per certe nel «reportage del nostro inviato»? La domanda trova una risposta, forse, nel fatto che Le Monde è finanziato dal governo Hollande, ed è il portavoce storico ufficioso del Grand Orient de France. Che domina il cugino d’Oltralpe dal tempo della Rivoluzione, e che è la stessa entità che ha convinto la politica di Parigi di varare la legge che consente l’adozione alle coppie sodomite, anche se contrastata dall’opinione pubblica.

Ovviamente, la mano agisce anche fuori dalla Francia, sicché la non-notizia di Le Monde viene debitamente ripresa dai media europei come fosse vera.

La BBC, subito, offre anche di meglio per silurare in anticipo la Conferenza di Ginevra: l’improvvisa «rivelazione» che «settemila combattenti di Hezbollah, il movimento sciita libanese, stanno combattendo a fianco dell’armata siriana per la presa della città di Qusair, tenuta dai ribelli». Ciò che preoccupa «gli Stati Uniti» perché Hezbollah, lo sappiamo, è un gruppo «terrorista».

Anche questa scandalosa rivelazione viene ampiamente ripresa dai media occidentali, tanto per concludere che l’Occidente deve assolutamente armare «i ribelli» (ossia i «nostri» terroristi jihadist) minacciati dai «loro terroristi» Hezbollah, o almeno aiutarli facendo stendere – dagli Usa – una zona di interdizione aerea sulla Siria, dunque in pratica l’intervento militare contro Assad . L’effetto della rivelazione è alquanto guastato dalla tv ABC , che deve spiegare al suo pubblico che:

«Benché il conflitto siriano sia descritto come una “guerra civile”, (...) è in essenza una “proxy war”, una guerra condotta per interposte persone, con gli Alawiti (un ramo dell’Islam Sciita, sostenuto dagli alleati sciiti Hezbollah) e Iran, oltre che da Russia e Cina. (Per contro) i ribelli sunniti sono sostenuti dai capi della Arabia Saudita, Katar e Turchia, e anche da Usa, Francia, Gran Bretagna ed altri». Nella dizione «...ed altri» siamo ovviamente noi italiani.

Insomma una guerra per interposta persona, dove «i nostri terroristi» sunniti di Al Nusra-Al Qaeda combattono i «loro terroristi». (Hezbollah and Al Qaeda Fighters Edging Closer to Full Scale Confrontation)

Fatto sta che è dopo che l’Europa (o la mano che la guida) ha decretato la levata dell’embargo ai terroristi e mercenari «nostri», che la Russia ha dovuto minacciare che, a questo punto, avrebbe effettivamente fornito i temutissimi missili anti-aerei S-300 alla Siria, consegna finora sospesa. Ciò che ha spinto Israele a dichiarare immediatamente e bellicosamente, che considera l’arrivo degli S-300 una «linea rossa» li attaccherebbe subito, perché la superiorità aerea israeliana è esistenzialmente necessaria, ed vitale per le sue future guerre nell’area. Il ministro sionista della Difesa, Moshe Yaalon, s’è spinto a tuonare che Israele è pronta a colare a picco le navi russe che porteranno i missili in Siria. Provocazione da pazzo delirante e pure mal informato: gli S-300, se mai, arrivano sui Tupolev da trasporto.

A questo punto, Assad si fa intervistare assicurando che i primi S-300 gli sono già arrivati. I servizi israeliani sostengono che non è vero. La Russia non dice né sì né no, e spera ancora di salvare la Conferenza di Ginevra. La nostra Emma Bonino dichiara che non ci si deve aspettare tanto dalla Conferenza di Ginevra, e forse neppure si terrà (1)... (Israeli intelligence denies first Russian S-300s arrive in Syria)

Il motivo per cui «La Mano» che tutti ci guida ha voluto silurare la Conferenza è più d’uno. Il principale, forse, è che l’armata di Assad sta conquistando sul terreno vantaggio su vantaggio: ha strappato ai «ribelli» (mercenari e jihadisti) la città di Homs e di Al Qusair, e sta lottando per riprendersi Aleppo; è riuscita a tagliare le linee di rifornimento ai «ribelli» provenienti dal Libano (il che spiega la partecipazione armata di Hezbollah, rivendicata apertamente dal suo capo Nasrallah): sta anche bloccando i «ribelli» in rotta che scappano in Libano; se l’esercito libera Aleppo, taglierà anche le linee di rifornimento che arrivano dalla Turchia di Erdogan. A questo punto Assad va al tavolo di Ginevra in una posizione di tale forza, da rendere alquanto ridicolo il ritornello americano, «Assad must go», ossia: Assad si dimetta «prima», e solo poi si comincerà a trattare. Altri motivi sono l’invito a Ginevra che Mosca ha esteso ad Iran e allo stesso Hezbollah, insieme all’Irak e ai monarchi del Golfo. Sarebbe una legittimazione di Teheran, che «La Mano» non vuole.

La Mano che a noi europei ha rovinato i rapporti con la Russia con l’inutile provocazione della levata dell’embargo è chiaramente anglo-francese (Hollande è quello che si espone di più insieme al suo ministro Fabius e alla cricca ebraica francoide che fa capo a Bernard Henry Lévy), la stessa coalizione che ha invaso la Libia per aiutare i «ribelli» di là. Se Israele è perplessa, apparentemente sono i neocon americani a restare fedeli alla «linea», Assad must go. Con i loro maggiordomi: la diplomazia russa segnala una frenetica attività del senatore John McCain, il candidato presidenziale del partito repubblicano, impegnatissimo a liquidare Ginevra e arrivare ad un intervento americano. Se agisca così contro il ministro degli esteri democratico, John Kerry, o con il suo consenso sottobanco – in quanto Kerry si sarebbe pentito di aver detto sì a Lavrov – non è ancora chiaro. Ma forse è probabile.




1) Significative le dichiarazioni della ministra Bonino: «“Tutti prendono la conferenza di Ginevra come già acquisita, come si fosse una conferenza già decisa. Credo che la strada sia ancora lunga, anche solo per arrivarci”. Così il ministro degli Esteri, Emma Bonino, a proposito della conferenza internazionale per la Siria sponsorizzata dai ministri degli Esteri di Stati Uniti e Russia. I due Paesi stanno spingendo per ospitare un meeting per cercare una soluzione condivisa alla crisi siriana, e da molte parti si sottolinea l'importanza dell'iniziativa». E mette guardia. «Anche solo per arrivarci credo ci siano ancora parecchi problemi da superare». Ad ogni modo, anche qualora si tenesse, «la conferenza ha un esito non scontato». La poveretta, che è vicina a Kerry, non ha ancora capito a quale Mano deve obbedire, i segnali sono contraddittori.


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# tobia 2013-06-01 12:02
L'importante è che le forze patriottiche siriane stanno vincendo sul campo!!!In ogni caso in Europa contro il governo siriano sono rimasti solo Francia e Inghilterra(l'Italia è il servo sciocco).si sta profilando una ulteriore sconfitta dell'imperialismo dopo le disavventure in IRaq,il cui governo è filoiraniano e filorusso, e in Afghanistan.Aspettiamo le prossime elezioni,che si svolgeranno fra qualche anno in Turchia il cui popolo è fortemente antisionista,fi lo Assasd e filo iran a differenza del governo attuale.segnalo l'intervista integrale al presidente Assad sul blog Iranmondo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-06-01 12:13
Questo si legge oggi sul sito del kopp-verlag a proposito della Siria :
"Il giornale turco Zaman riporta che funzionari della polizia turca Emniyet Genel Müdürlüğü (Direzione Generale per la Sicurezza) hanno sequestrato, lo scorso Mercoledì nella cittadina di Adana nel Sud della Tuirchia, due chili di gas nervino Sarin. Le armi chimiche erano in mano al gruppo terrorista Jabat al-Nusra (Fronte di sostegno del popolo siriano). Gli stessi funzionari hanno arrestato 12 membri del gruppo terrorista e hanno inoltre sequestrato armi e computer. Questa è la seconda conferma ufficiale del possesso e del possibile uso di armi chimiche da parte dei gruppi vicini ad Al Quaeda in Siria... "
E sulla emittente russa : http://german.ruvr.ru/news/2013_05_31/Nach-Festnahme-von-Extremisten-mit-Sarin-Russland-fordert-Untersuchung-8038/
"Mosca aspetta dalla Turchia i risultati dell'inchiesta dopo l'arresto di estremisti siriani in possesso di gas nervino Sarin. Mosca è inoltre molto contrariata dal fatto che la missione dell'ONU sull'impiego di armi chimiche da parte dei ribelli siriani sia stata resa impossibile da giochi di politica"
Per il resto sembra che centinaia di cittadini europei combattano a fianco delle milizie terroriste in Siria. I servizi segreti hanno già dato l'allarme su quello che potrebbe succedere una volta che questi ritorneranno in Europa.
Una domanda retorica alla Bonino : ma lei non era la campionessa dei diritti umani?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2013-06-01 14:11
In Siria si vede la mano della massoneria, ma propio in questi giorni incominciamo a vedere anche la mano (pesante) di Mosca.

Questi massoni che Lei nomina hanno fatto i classici conti senza l'oste.

Provino a fare una no-fly-zone con sotto gli S-300 cosi ridacchiamo un pò,..... ma temo che non la facciano, proprio per non farci ridere.

Anche Hollande si sta agitando, voleva emulare Sarkosy il libico.

Sono dei coglioni che non hanno capito che altre operazioni, tipo Iraq e Libia la Russia non le permetterà più.

Difatti i supposti ribelli (mercenari) sembra che siano un pò in difficoltà sul campo.

Non mi dica direttore che è stato posticipato anche il bombardamento israeliano dell'Iran?! E' scandaloso!

P.S. nel caso Hollande se non riesce ad emilare Sarkosy, puo sempre emulare Napoleone e procedere direttamente nell'invasione delle steppe Russe, ahah.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2013-06-02 15:02
"Questi massoni che Lei nomina hanno fatto i classici conti senza l'oste."
(dalla visione dello scacchiere mondiale secondo Giovanni Silvano).

Andando sui detti mi ripeto con uno classico romanesco:
ridi, ridi che mamma a fatto i gnocchi!
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2013-06-01 15:17
https://www.youtube.com/watch?v=wXDcPpDg8As&feature=player_embedded

Truppe dell'esercito regolare siriano di Assad esultano dopo aver liberato l'importante città ai confini col Libano.

I mercenari europei tagliatori di teste ritorneranno in Europa con la coda fra le gambe e si metteranno al servizio della cupola massonica per fungere da squadroni della morte contro di noi affiancati dalle cellule dormienti di Al Qaeda da cui siamo già invasi. I genitori tunisini di quei ventenni sbarcati in Italia durante l'aggressione militare alla Libia nel 2011 reclamano i loro figli di cui non hanno più notizia. Molti furono addestrati in Kosovo e trasferiti a combattere in Siria contro Assad al soldo di USraele, Qatar, Saudia e NATO. L'esercito di Assad coadiuvato dagli Hezbollah, dai Pasdaran iraniani e dall'intelligence di Mosca li sta facendo a pezzi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2013-06-01 15:18
Se guardiamo all'Italia, penso che un ministro degli Esteri più ininfluente a livello internazionale, ma più ligio ai voleri della "mano" che in definitiva è la stessa mano che ad esempio riesce ad imporre i matrimoni gay, fosse impossibile da reperire.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antonoi51 2013-06-01 16:33
La Mano sarà sicuramente massonica, mi rimetto alla competenza del direttore in merito, ma i soldi che spingono Francia ed Inghilterra sono sicuramente Katarini e Sauditi.
E' ora di dire che, tra gli altri motivi, ciò che spinge la massoneria dei due stati è l'odio anti cristiano che si avvale degli estremisti sunniti per annichilire le minoranze cristiane in Medio Oriente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzero 2013-06-01 18:46
Seconda frase errata. I timori sono verso l'Iran e i suoi alleati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lucumone 2013-06-01 21:29
E chi ce l'assicura che anche in Qatar e Arabia Saudita non siano massoni?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maraffio 2013-06-01 16:55
E' desolante essere s-governati da questi europidi che, non contenti di combinare guai in casa propria, vogliono impicciarsi (spinti o no dagli illuminati massoni di merda) in affari che non li riguardano.

In questi anni la Russia ha fatto la sua bella parte per la pace nel mondo, facendo da deterrente per i messeri che avessero l'uzzolo di fare scampagnate come quelle libiche...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2013-06-01 19:25
Sa cosa pensavo, direttore, mentre leggevo il suo articolo (di cui la ringrazio)? Che la mano invisibile è in fondo la stessa del capitalismo di Adam Smith, del libero mercato. Che ne dice?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2013-06-01 22:45
Erdogan l'utile idiota turco sta per essere rovesciato pure lui mentre la rivoluzione turca in corso, pilotata dall'esercito egemone in tutto come quello egiziano, rivaluta il 'dunmeh' Atatürk.
Fino a due o tre anni fa Erdogan trascorreva le ferie assieme a Bashir El Assad di Siria che sta oggi pugnalando alle spalle per compiacere USraele/NATO.
Anche Napolitano nel 2010 pranzava sfarzosamente a Damasco e poi anche a Roma col presidente siriano Assad.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SART 2013-06-01 23:20
Il Direttore non mostra di sapere che le forze speciali Turche hanno trovato dei "ribelli siriani", ovvero dei mercenari, dotati di armi chimiche. Notizia TUTALMENTE censurata nell'Unione Europea:

http://rt.com/news/sarin-gas-turkey-al-nusra-021/
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marcello Anzil 2013-06-01 23:28
E' evidente che l'aggressione militare oggi in atto contro Syria è un attacco alla Russia cristiana e anti-massone. Spero e credo che Putin non si farà mettere i piedi in testa. In una "guerra vera" la Russia, considerato territorio, risorse, logistica e distribuzione delle aree urbane sarebbe quella ad avere maggiori probabilità di sopravvivenza. Non credo perciò che ad Usraele convenga la Terza Guerra Mondiale. Ma si dovesse arrivare a tanto, sicuramente salterebbe anche la zucca marcia della nostrana "poveretta" guerrafondaia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2013-06-02 16:02
L'Italia dovrä pagare i torti arrecati ai libici ed ai siriani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2013-06-02 18:45
Alcune considerazioni relative alla presenza russa nel porto di Tartus. Secondo alcuni la presenza sarebbe dovuta per il progressivo deteriorarsi della situazione, dovuto, sembra, all'affondamento di un sommergibile del non-stato ad opera di una nave siriana. La reazione del non-stato appare quindi in linea con il carattere stesso della vendetta talmudica lanciando un'operazione con una bomba nucleare intelligente (http://youtu.be/vm7ObVSix7w) e le successive incursione aeree su "certi" depositi siriani.
Che sia vero o meno lascio a voi spiegarlo, ma Gordon Duff così la racconta.
http://www.veteranstoday.com/2013/05/25/did-syria-sink-an-israeli-submarine/
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dany Zenobi 2013-06-03 15:04
Penso che questa guerra in Siria stia purtroppo evolvendo verso un punto di non ritorno fatale: appare già come una terza guerra mondiale "soft-core", dove schieramenti e alleanze a livello planetario si stanno già combattendo, anche se non direttamente.

E purtroppo lo scontro a tutti i costi è voluto e perseguito dalle potenze occidentali, forse per mascherare un tracollo finanziario ed economico alle porte.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-06-03 23:43
Esatto solo che questa come le altre guerre sono funzionali ad un progetto. Come dire che Hitler, Stalin, Wiston C, FD Roosevelt e Hiroito se la ridevano mentre una generazione veniva annientata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità