>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Fine ingloriosa di Fini, serial killer della Destra che ha affossato tre partiti
Stampa
  Text size
Al direttore - Missione compiuta, o quasi. John Francis Ends, il noto serial killer della Destra italiana, come ha scritto il Corriere della Sera del 1° luglio, è “pronto a sciogliere il Fli” dopo aver constatato, aggiustandosi la cravatta, che “alle amministrative abbiamo dimostrato la nostra marginalità e in certi casi ininfluenza”. E quindi dopo il Msi e dopo An, nel terzo episodio di questo film dell’orrore lungo diciassette anni, ecco ormai il terzo cadavere lasciato alle spalle, il Fli.

Per la verità, Mr. Ends, al secolo Gianfranco Fini, avrebbe detto: “Alle amministrative avete dimostrato marginalità e ininfluenza”, perché io, da presidente della Camera e quindi super partes, non ho partecipato alla campagna elettorale, quindi, va sottinteso, colpe non ne ho. Così riferisce chi ha partecipato alla riunione. Che si è svolta in un luogo quanto mai opportuno per gente di buon gusto come i finistei: all’appena inaugurato Eataly, “neotempio dei gourmet romani” dove, relaziona sempre l’autorevole Corriere, “all’ultimo piano del megacentro, dopo aver superato fritti e mozzarelle di bufala, culatelli di Zibello e piadine, ecco l’Assemblea nazionale” dei futuristi in libertà, dove il presidente del partito ha detto la sua. Insomma, l’ultima bufala doc.

Tra un “in un certo qual modo” e un appuntarsi a spuntarsi i bottoni della giacchetta, Fini ha per la verità anche detto che “non siamo un partito in liquidazione”, ma nessuno gli ha creduto anche perché molti dei suoi sono occupati a dilaniarsi fra loro (per esempio Filippo Rossi ha chiesto che Fabio Granata sia espulso dal partito “per indegnità”). L’avventura politica di questo sessantenne è dunque giunta al Finis? Non lo si può sapere, ma di certo vi è giunto tutto un mondo umano e culturale che egli ha purtroppo rappresentato e trascinato nelle sue sciagurate performance. Guardandosi alle spalle ha lasciato soltanto macerie.

Macerie e tabula rasa di un mondo che bene o male aveva retto per mezzo secolo. Perché il risultato, dall’epoca dello scontro con Rutelli per Roma (1993), all’ingresso nel primo governo Berlusconi (1994) e il lavacro di Fiuggi (1995), con il progressivo abbandono delle posizioni che avevano caratterizzato la Destra italiana da sempre, è stata la sua pressoché totale rottamazione. Perché a forza di aver paura del passato e dei suo simboli (qualcuno ricorda la mitica “coccinella”?!), ripudiandolo nella maniera più rozza, a forza di voler entrare nei cosiddetti “salotti buoni”, a forza di adeguarsi nel modo più piatto al “politicamente corretto”, a forza di “strappi” su tutti i piani senza proporre altra alternativa se non posizioni assolutamente ridicole per voler puntare al Centro, oggi la Destra non c’è più.

Addirittura il tentativo del cosiddetto Terzo polo, nell’assemblea del 30 giugno, è stato clamorosamente sconfessato e anche con parole dure. Esso, ha detto con parole oracolari Fini, gesticolando secondo suo costume, “è stato concepito come una somma di entità, uno stare insieme per disperazione”. Perdinci, una somma di disperati! Anch’esso dunque nella polvere. Un record assoluto: dove il presidente della Camera pone mano compie disastri. Un Re Mida alla rovescia.

Il peggiore, il maggiore, è di aver distrutto la Destra, senza aver costruito assolutamente nulla. Un sessantenne con un grande avvenire alle spalle. E tutti quelli che avevano creduto nelle sue parole? In questi vent’anni, quelli che non vi avevano creduto sono stati emarginati, grazie anche a coloro i quali a livello locale e soprattutto negli assessorati alla Cultura di paesi, città, province e regioni, hanno pensato bene di nascondere e dimenticare cosa era una cultura non conforme e non di sinistra. Vent’anni di semi-oblio hanno prodotto il risultato attuale: il Nulla. Sicché, in mano ai Tecnocrati cosa è possibile fare? Se non si riesce a fare qualcosa, di un mondo umano e culturale, oltre che politico, non resterà nemmeno il ricordo.

Gianfranco de Turris

Fonte  >
  Foglio.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pietro G 2012-07-21 10:53
Siamo sicuri che lo scopo vero di Fini non fosse sin dall'inizio, o forse sin dalla sua famosa visita in Israele, proprio la liquidazione della destra? Se in Italia non esiste un partito come il Front National francese lo si deve proprio a lui. Non era forse questo quello che volevano i suoi sponsors? Lui potrebbbe benissimo dire : (per il momento) missione compiuta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giancarlo Moruzzi 2012-07-21 20:43
Ho paura che sia proprio così. Difficile da credere, ma, secondo me, non c'è altra spiegazione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# angelus 2012-07-21 21:39
Citazione Pietro G:
Siamo sicuri che lo scopo vero di Fini non fosse sin dall'inizio, o forse sin dalla sua famosa visita in Israele, proprio la liquidazione della destra? Se in Italia non esiste un partito come il Front National francese lo si deve proprio a lui. Non era forse questo quello che volevano i suoi sponsors? Lui potrebbbe benissimo dire : (per il momento) missione compiuta.

Verissimo! Come spesso avviene, Pietro G. centra il bersaglio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-07-22 08:27
Assolutamente d'accordo con Pietro G. E anche con l'articolo del Foglio (scritto per l'appunto da de Turris non a caso).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nick 2012-07-21 12:05
non credo nell'alta intelligenza di Fini da giostrare cosi; ci si è ritrovato senza saperlo, satollo di sottane, pranzi, e viaggi di piacere(visite ufficiali).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nordannozero 2012-07-21 14:13
palesemente un nemico degli italici
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-07-21 14:33
Credo di si, che di missioni compiute come quelle dei Fini, ce ne siano molte. Di "secondi Fini" abbondano le iniziative politiche. Non più machiavellismi, bensì parti recitate per conto di...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ClodoveoX 2012-07-21 17:41
Non penso che il codardo e vile "caghetta"
abbia mai avuto un piano che non fosse quello della sua poltrona e delle sue cariche e prebende sempre maggiori.

Non starei a fare la storia della sua insignificante e parassitaria agonia politica.
Non vorrei passare per coprofilo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2012-07-22 11:05
Adesso sempba che abbia intenzione di fondare un altro partito: Mille (coglioni) per l'Italia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2012-07-23 23:53
SIETE SICURI CHE I PARITI AFFOSSATI SOLO IN ... ITALIA SIANO STATI TRE?!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità