>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0


> Mercoledì 10 Dicembre 2008
Dante
"Coscienza fusca / o de la propria o de l'altrui vergogna / pur sentirà la tua parola brusca. / Ma nondimen, rimossa ogne menzogna, / tutta tua vision fa manifesta; / e lascia pur grattar dov'è la rogna. / Ché se la voce tua sarà molesta / nel primo gusto, vital nodrimento / lascerà poi, quando sarà digesta. / Questo tuo grido farà come vento, / che le più alte cime più percuote; / e ciò non fa d'onor poco argomento".

(Paradiso 124-135)


Leggendo il compito che Cacciaguida affida a Dante mi è venuto in mente il lavoro che Lei svolge quotidianamente.

Gli scritti di Blondet che per i più sono aspri perchè turbano le idee preconfezionate che si sono adagiate nelle loro menti. Gli scritti di Blondet che diventano "vital nodrimento" per i semplici e, come il vento, percuotono le cime i più alte (i potenti del mondo).

Continui così.

Grazie,
 
"suo figlio"

Matteo



Troppa grazia, sono solo un giornalista. Però com'è bello Dante! "E lascia pur grattar dov'è la rogna"....

Maurizio Blondet


 
> Mercoledì 10 Dicembre 2008
Gnosticismo e simboli in Vaticano
Egr. direttore,

sono appena tornato da una visita ai musei vaticani durante la quale sono rimasto colpito da alcuni simboli che ho notato sia nella Scuola di Atene che nel Giudizio Universale.
Nel primo affresco, basso sulla destra,  in corrispondenza di Euclide che tiene in mano il “compasso” c’è l’esagramma scritto sulla lavagna. Sempre nello stesso assembramento si trova Zoroastro con il mondo in mano.
Nella Cappella Sistina, guardandola frontalmente c’è uno strano personaggio con un mantello verde, dalla muscolatura maschile ma con i seni ben in mostra che sembra dare riparo ad una donna spaventata. Personaggio che guarda con orgoglio il Signore il quale sembra quasi ripararsi dalla sua vista.
In alto sulla destra nella vela d’angolo, se ben ricordo, si vede un albero con un serpente attorcigliato.
Sulla sommità di ciascuna vela laterale si vede il volto di un caprone.
Se ci si pone in corrispondenza del punto di vista centrale della sala, segnato dal centro di un rosone cosmatesco, alzando gli occhi ci si trova in corrispondenza della cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso mentre sulla parete destra il cartiglio della lunetta indica la scritta Amon.
Alle coincidenze credo poco ma quel minimo di conoscenza dei simboli gnostici mi porta a ritenere che Giulio II abbia voluto dirci qualcosa.

Qui mi fermo , ma sarei curioso di sapere  se qualcuno ha approfondito questi particolari.

Grazie

Paolo U.



Qualcuno sa rispondere?

Maurizio Blondet


 
> Mercoledì 10 Dicembre 2008
Oro /3
Se quello che dice e vero, e non dubbio, delle difficolta di consegnare l'oro fisico su i contratti, vuole dire che siamo alla fine di certa finanza.

link financialsense.com/editorials/fekete/2008/1205

Era ben saputo per quelli che stiamo sulle commodities che il shortselling, pressava constatemente all ribasso il valore delle materie prime, sempre contro i interessi dei produttori, un furto masiccio fatto con il consentimento della finanza internazionale; cioe, speculare al ribasso, con soltanto un deposito ( to put down) un 2% e una truffa, e
quando si chiede consegna non c'e.
E cosi scandaloso che non ho parole, questo describbe molto meglio il capitalismo terminale che il subprime.

Distinti saluti

Miquel


Sì ha ragione. Una delle tante truffe con cui si conclude il capitalismo terminale.

Maurizio Blondet




 
> Martedì 09 Dicembre 2008
Un caso vergognoso
Cosa pensate della delibera n. 349/07 art. 7bis e successiva integrazione con  delibera n. 10/08 inerente alle disdette di contatorI ENEL e GAS?

E' una vera estorsione, una vergogna tutta italiana perpetrata ai danni di  cittadini che hanno pagato per anni bollette salatissime.
E' logico che queste Amministrazioni devono reperire fondi per pagare  stipendi favolosi e fronteggiare assunzioni di comodo senza regolari concorsi.
SI NOTA COMPLETA INDIFFERENZA E NEGLIGENZA STRAFOTTENTE DALLE ISTITUZIONI.

Saluti da

ANTONIO CRIMALDI



Finchè non ci ribelleremo, ci saccheggeranno.

Maurizio Blondet



 
> Martedì 09 Dicembre 2008
Il federalismo ci rovinerà
Vorrei rispondere molto brevemente al suo articolo relativo alla mia mail:

Ragionando come lei o come chi ha commentato mi verrebbe la depressione, allora sediamoci e aspettiamo la morte, tanto sembra non si possa fare niente.
O almeno lei sta denunciando qualcosa e quindi il suo contributo lo da. E infatti come dice la denuncia è stata la prima azione della lega prima di poter entrare nelle amministrazioni, poi non si è limitata alla denuncia.

1-Adesso la lega è al governo: assieme ad altri partiti che impediscono di attuare completamente cio' che vorrebbe la lega. Guardi dove la lega è veramente al governo e sola: un esempio su tutti a Varese sono state abolite le auto blu (Su richiesta della lega a milano sono state solo ridotte perchè gli assessori di forza italia si sono opposti)
A roma è tutto più difficile con una inerzia spaventosa, se la lega avesse i 21000000 di voti del nord le cose andrebbero con una velocità diversa. Per questo non si possono prendere le impronte ai rom come richiesto dal ministro dell'interno.
Sono daccordo sul fatto che bisognerebbe attaccare le imprese italiane che sfruttano gli extracomunitari subito e pesantemente con multe salate o blocchi dell'attività,  non serve attaccare gli extracomunitari direttamente non verrebbero più come non si sognano di andare in svizzera dove non lavorerebbero.
2- Gli orpelli, raduni al po, a pontida, a venezia saranno ridicoli ma hanno unito milioni di persone che hanno portato a percentuali da governo la lega, nessun altro partito federalista o secessionista è arrivato a tanto, quindi ben vengano, io sono stato a pontida nei primi anni 90 e sul po per il giuramento nel 96 e non me ne pento (comunque preciso che non sono tesserato ne un attivista), quello che guardo è la sostanza, siamo arrivati a un referendum sul federalismo  2 anni fa. (Ma è come chiedere a qualcuno con dei vantaggi e diritti se vuole rinunciarvi, vedi regioni autonome e sud mafioso, hanno votato per interesse non per il bene dell'italia è ha vinto il no.) E ora stamo ancora lottando per raggiungere comunque il federalismo, io ci voglio credere.
3-  le regioni aziende sanitarie: se una regione puo' mantenersi la sua azienda sanitaria mastodontica e truffaldina che lo faccia sia una scelta interna, se in lombardia ci accorgeremo che qualcosa non va probabilmente ci sarà qualcuno che denuncerà la cosa.
Nelle regioni in cui la spesa sanitaria è sovvenzionata da aiuti da altre regioni che verranno a mancare col federalismo, che la rivedano con meno sprechi e più efficienza o che la gente si incazzi con chi li governa in questo modo. Per quel che riguarda le provincie ne è stata istituita una nuova che è la provincia di Monza, voluta dalla Lega, be se si riferisce a quella nell'articolo, una provincia con più di un milione di abitanti credo che sia giustificata. La provincia di isernia ha meno di 90.000 abitanti e il capoluogo è poco più grande di Meda uno dei centri mediamente importanti della provincia di Monza e Brianza.

W. D.



 

 

 
<< Inizio < Prec. 421 422 423 424 425 Succ. > Fine >>

Pagina 423 di 425

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità